particolare della camera degli sposi particolare della camera degli sposi particolare della camera degli sposi particolare della camera degli sposi particolare della camera degli sposi particolare della camera degli sposi

Restauro e manutenzione
Restauro dipinti murali
e manutenzione


Restauro dipinti murali

All'inizio degli anni '80 del secolo scorso, i dipinti murali si trovavano in pessimo stato di conservazione.

Stato di conservazione dei dipinti agli inizi degli anni 80

A partire dal 1984, l'Istituto Centrale del Restauro condusse tre campagne di restauro nel corso delle quali le superfici dipinte, fotografate e mappate graficamente, furono pulite, consolidate, stuccate e reintegrate da docenti ed allievi (clicca qui per visualizzare l'elenco dei docenti e degli allievi) mentre nei laboratori si studiavano materiali costitutivi e cause del degrado.

(1)
Fase della pulitura
(2)
Fase della stuccatura
(3)
Restauro ultimato

(1)
Pulitura e rimozione vecchia stuccatura
(2)
Restauro ultimato
(1)
Pulitura e stuccatura
(2)
Restauro ultimato

Nel 1985 il Consorzio Arkè di Roma affiancò l'I.C.R., restaurando la scena dell'incontro sulla parete ovest e le pareti est e sud decorate con lunette e tendaggi.

Fase 1
Fase 2
Fase 3
Alcuni interventi effettuati nel 1985

Al termine della terza ed ultima campagna dell'I.C.R. per completare il restauro della parete nord nel 1986 fu effettuato il restauro dei materiali lapidei dorati e dipinti (cornici delle porte, dello sportello e del camino) ad opera del Consorzio Arkè di Roma. (clicca per visualizzare l'elenco dei soci del consorzio Arkè)

Elementi lapidei della Camera degli Sposi durante il restauro

Manutenzione

Per dieci anni non si mise più mano ai dipinti di Mantegna se non per ovviare a piccole alterazioni dovute all'affiorare su alcune stuccature di sali di ferro rilasciati da grappe ossidate.
Nel 1996 la prima manutenzione verificò il generale buono stato di conservazione della Camera; fu rilevato però che sulle superfici dipinte continuava il lento processo di degrado dovuto alla migrazione in superficie di particelle di mica (orto-meta silicato di Alluminio con metalli alcalini) contenuti negli strati di malta originale, con la conseguente caduta puntiforme della pellicola pittorica.


caduta puntiforme della pellicola pittorica

Il movimento di questi cristalli è stimolato dal depositarsi dell'umidità di condensa sulle strutture murarie. La percentuale di tale umidità cresce di molto con l'aumentare del numero di persone presenti nell'ambiente. Da qui l'indicazione di limitare a quindici il numero delle persone che possono sostare contemporaneamente nella Camera.
Risalgono al 1999 e al 2001 le manutenzioni successive.
In seguito al terremoto del 25 novembre 2004, la manutenzione eseguita tra gennaio ed aprile 2005 si è configurata come un pronto intervento verificando e ponendo rimedio ai limitati ma diffusi distacchi tra gli strati preparatori. Tale operazione è stata graficizzata insieme alle fuoriuscite di sali, ai piccoli sollevamenti ed alle cadute puntiformi della pellicola pittorica, nonché alle alterazioni dei ritocchi. Con l'eliminazione di questi piccoli danni si è restituita una buona leggibilità ai dipinti.

Tabella Riassuntiva degli interventi

Visitatori per questa pagina: 22678